giovedì 7 agosto 2014

Buona notte, ma prima sogniamo assieme di volare su M33, il Triangolo

Penso sarete con me se dico che non ho voglia di aggiungere parole alla maestosa bellezza di quest'immagine di M33, il Triangolo, ripresa dai telescopi europei di Eso, nelle Ande Cilene.


Pazienza ora perché il video ci mette un po' a arrivare. Mettetelo a schermo intero e via a sognare, ne abbiamo tutti un po' bisogno.

video



giovedì 31 luglio 2014

Andare su una cometa ? Un gioco da bambini !

Rosetta, la missione di cui abbiamo parlato parecchio, anche sull'altro blog   si avvicina sempre più alla sua cometa  67P/Churyumov-Gerasimenko. Le ultime immagini, come questa qui sotto di poche re fa, confermano questa stranissima forma a L della cometa, come due blocchi diversi saldati assieme da un ponte di materia più riflettente. Vedremo. Oggi vogliamo dare modo a chi vuole di raccontare ai bambini piccoli cosa ha fatto finora e cosa farà nei prossimi due anni la sonda Rosetta e il simpatico lander Philae.
















Ecco a voi il filmato, un cartone veramente ben fatto !

martedì 29 luglio 2014

Salvi i geki dispersi nello spazio (a fare sesso)

Tutto bene, i geki persi nello spazio a fare sesso dentro il satellite russo Foton M sono stati riagganciati. Questo il termine tecnico per indicare che ora le comunicazioni sono fra Terra e satellite e viceversa e c'è quindi la fondata speranza di portare a termine i divertenti (per i geki ) esperimenti di comportamento sessuale in orbita. Negli Usa il famoso intrattenitore John Oliver aveva già lanciato la campagna "Andiamo a riprenderli" #GoGetThoseGeckos 

Eccolo uno dei gechi spaziali russi 
Oleg Ostapenko, niente di meno che il capo dell'Agenzia spaziale, russa, ha dichiarato che contano di portare a termine il 90% degli esperimenti programmati, oltre a quelli dei gechi che cercano di accoppiarsi fluttuando alla grande come piccole aquile nello spazio chiudo del satellite. 
A parte le battute l'esperimento è importante , dato che se mai si dovrà emigrare negli altri pianeti, bisognerà anche riprodursi durante il viaggio, fra tutte le incombenze probabilmente non la peggiore. 

Uno scherzo divertente è stato messo in piedi dal famoso anchorman della tv usa (e getta visto il livello) John Oliver, con testimonial di eccezione come Sir Branson di Virgin Galactic,e tutti d'accordo a dire che bisognava mettere in piedi una missione per salvare i gechi che probabilmente non si sono accorti di nulla e hanno continuato a cercare di ....   Qui sotto il simpatico filmato. Le agenzie Usa e russa, Nasa e Roscosmos, hanno colto l'opportunità per ribadire che mai i loro astronauti hanno fatto esperienze di accoppiamento in orbita. Aspettiamo per Natale un comunicato su Babbo Natale ;) 

sabato 26 luglio 2014

Cinque russi dovevano far sesso nello spazio ma...

Un maschio e quattro femmine, tutti russi, imbarcati in un satellite Foton M4 per un lungo studio delle attività sessuali in assenza di gravità sono persi nello spazio, dove periranno fra non molto. Niente paura non sono esseri umani, ma 5 poco fortunati gechi, i simpatici animaletti che vediamo spesso letteralmente incollati sui muri delle case al sud.

Per la Roscomos è l’ennesimo fallimento, una débâcle che dura oramai da 5 anni. Prima il costosissimo satellite russo-cinese per Marte che non è neppure riuscito a lasciare la Terra, ripiombandoci dopo pochi giorni, poi il nuovo razzo vettore Proton che fallisce continuamente e vari direttori generali dell’Agenzia spaziale cambiati da un Wladimir Putin sempre più arrabbiato e ora perfino questa figuraccia con il satelliti che, oltre ai poveri animaletti, trasportava vari altri esperimenti. Un vero disastro, resta per fortuna il vecchissimo ma solido vettore e capsula Soyuz per andare alla Stazione spaziale internazionale, roba concepita negli anni ’60 del secolo scorso!


Il satellite era stato lanciato il 19 luglio scorso e aveva già fatto parecchie orbite attorno al pianeta quando, improvvisamente, ne è stato perso il controllo. Non è una serie fortunata questa del Foton, il primo lanciato nel 2001  era ricaduto uccidendo anche una persona, un giovane soldato. Nel 2007 altri gechi avevano invece sfidato lo spazio in allegra compagnia di serpenti e gerbilli, una specie di simpatici roditori, ma pare che gli animaletti per i 12 giorni del viaggio avessero solo cercato di raccapezzarsi sul loro nuovo ambiente. E non cambieranno le cose l’astronautica russa rischia di perdere ulteriori posizioni, proprio ora che vari altri attori, dalla Cina all’India si affacciano con prepotenza nella scena.


venerdì 18 luglio 2014

Space Duck, ovvero la cometa che non ti aspetti

Scrivo questo breve post in aggiunta all'articolo uscito stamane sul Sole24ore a proposito delle splendide immagini della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko regalateci dalla sonda Rosetta. Nessuno se lo aspettava ma questo corpo celeste d soli 4.5 chilometri di lunghezza ha una forma composita, forse dovuta a un impatto fra due copri simili,  che è stata subito assimilata a quella di una paperina di gomma usata per le abluzioni dei neonati. 
Space duck quindi.


Qui l'articolo del Sole con una maggiore descrizione e qui sotto il bellissimo filmato, giunto in seguito.


giovedì 10 luglio 2014

Nubi nottilucenti su Londra

Le Nubi nottilucenti  sono una meraviglia e in questo filmato di Cristoph Malin, uno dei migliori astrofotografi al mondo, si vede bene come anche una città moderna e strailluminata come Londra  nelle mani di un artista diventa un gioiello, un vero e proprio cammeo del cielo urbano. 

 

Il fenomeno è semplice anche se non frequentissimo è il poterlo vedere, anche a causa delle condizioni di illuminamento del cielo. Nubi di vapore acqueo ghiacciato ad altissima quota, sugli 80 chilometri, miste a volte a polvere di origine meteorica, riflettono la luce solare. Da noi purtroppo è quasi impossibile vederle, specie così belle come questa di inizio mese, ma al Nord sono relativamente frequenti d'estate. 

Me lo riguardo pure io stasera con lo scuro fuori e la luce spenta. 

martedì 10 giugno 2014

Il primo Vine spaziale, ipnotico e un sacco social

Finalmente qualcuno ci ha pensato e ora abbiamo il primo Vine dalla spazio, sempre 6 secondi ed è anche molto curioso e con un deciso effetto ipnotico.



lo ha creato l'astronauta americano Reid Wiseman e mostra un Sole che non tramonta mai. E' molto semplice, non c'è trucco. Quando la Iss, la Stazione Spaziale Internazionale, corre, a 400 chilometri di altezza, lungo il terminatore si ha questo effetto. Bene direte voi ma che è questo terminatore ?  Film un po' fantasy e un po' violenti con c'entrano, è semplicemente la linea che separa il giorno dalla notte.

Un'altro successo della politica "social" di Nasa. Per seguire Wiseman su Vine questo è il link