lunedì 29 ottobre 2012

Vabbè, tanto il tetto dovevo rifarlo....


17 ottobre, notte, Nord della California. I signori Novato, probabile origine latina dal nome, sentono un sibilo e uno strano rumore. 

E' un pezzo di meteorite che è caduto giusto sul tetto facendo un bel bozzo. Notevole come precisione ;DD  La probabilità che un meteorite colpisca una casa è veramente bassa, dato che noi pensiamo sempre alla Terra come quella "superficie" che percorriamo in auto o treno, ma il 70% del Pianeta, tanto per cominciare, è ricoperto da acqua, il resto ovviamente è più monti e campi che case. La probabilità poi che la meteorite colpisca una persona è inferiore a quella di vincere all'enalotto con un 6,  una parte su 622 milioni .

Qui un'immagine di come si è vista nei cieli la meteora, foto approssimativa ma bella,scattata con un telefonino.


Ed ecco il/la responsabile, 63 grammi di meteorite, probabilmente uno dei pezzi in cui si è frantumata quella originaria. 

Una delle telecamere che sorvegliano la baia di  San Francisco ha invece ripreso questo filato, brutto ma significativo. Insomma meglio girare con l'ombrello da quelle parti. 

                     

venerdì 26 ottobre 2012

Donne, bambini e anziani in casa: segnalati pianeti vaganti.


Eccolo qua come potrebbe essere Formhault B, il pianeta prima identificato attorno alla stella di cui porta il nome, poi negato e ora di nuovo in auge. 

La stella madre sta a soli 25 anni luce da noi, il pianeta è stato identificato da Hubble Space Telescope come un puntolino che si muove in una situazione unica, entro  un enorme anello di polvere .

Ecco un'immagine,vera, formata da due foto presa da Hubble, che mostra un corpo, piuttosto massiccio data la distanza , che si muove apparentemente proprio su un orbita di tipo planetario


Il risultato fu proclamato nel 2008 : questo era un pianeta e anche l'unico che si poteva vedere direttamente.  Notevole.

Il risultato fu poi rimesso in discussione per una apparente deviazione della traiettoria dalla orbita prescritta dalle leggi di Keplero.

Ora, di nuovo, altre osservazioni da Terra con il telescopio giapponese Subaru e altri , e inoltre in varie lunghezze d'onda, danno il risultato sperato: 1B è un pianeta, è il doppio di Giove e ruota, caso finora unico, in una zona piena di polvere, rimasta probabilmente dalla formazione della stella. Ecco l'immagine principale di questo studio, al centro la stella è stata coperta da un disco metallico un coronografo. 


Ed infine un filmato, stile Hallowen dato che il pianeta è "resuscitato", semplice da capire. Buona visione  (potete attivare i sottotitoli cliccando sul pulsante in basso a destra, il primo)  .


giovedì 25 ottobre 2012

Meteore fra indaco e violetto, al chiaro di Luna

Beh insomma, 'sta foto merita, siamo sinceri.


Sono le cascate di Wallaman, in Queensland, Australia.  Ci vediamo una bella meteora estiva che solca il cielo a destra e un arcobaleno notturno abbastanza raro da incontrare(moonbow in inglese che lo differenziano al rainbow , l'arcobaleno del dopo temporale) . Si vede però anche il famoso indaco e violetto, due colori che non tutti vedono e che spesso sono identificati fra loro come la stessa cosa (questo è il motivo per cui ho usato "vede" e non vedono) . E non è molto distante dalla verità (l'ho imparato anch'io molto recentemente da una amica ... che ne fa di tutti i colori ;D )

Ed ecco qui il sogno dell'arcobaleno fatto dalla Luna, un video incredibile. 

mercoledì 24 ottobre 2012

84 milioni di stelle, una a una.

                                 

Utilizzando un'impressionante immagine da nove miliardi di pixel, ottenuta dal telescopio infrarosso per survey VISTA all'Osservatorio di Cerro Paranal  (Cile) dell'ESO, un'equipe internazionale di astronomi ha prodotto un catalogo di più di 84 milioni di stelle, nella zona centrale della Via Lattea. Questa gigantesca collezione di dati contiene un numero di stelle più di dieci volte maggiore rispetto agli studi precedenti e rappresenta un significativo passo avanti per la comprensione della galassia in cui "abitiamo". L'immagine originale, fornibile su richiesta, da a chi la guarda una visuale incredibile, con la possibilità di un eccezionale ingrandimento sulla zona centrale della nostra galassia. È così grande che, se la si stampasse con la risoluzione tipica per un libro, sarebbe lunga 9 metri e alta 7 . 

Quella qui sopra è composta: sopra la immagine in  luce visibile, sotto quella in infrarosso, in cui le sacche di polvere e le stelle "fredde" sono messe nel massimo risalto. 

Qui sotto invece un bel video che ci fa vedere appunto la differenza. Più di mille parole servono esempi come questi per far capire perchè è importante studiare gli oggetti celesti in tutte le lunghezze d'onda.

video

venerdì 19 ottobre 2012

Attenzione, questo video può ipnotizzarti !!



E' il Sole, ovvio, in una serie di immagini che sono state ripassate con un filtro numerico (a gradiente, in pratica una derivata per chi se ne ricorda dal liceo o simili). Questa tecnica di elaborazione numerica, molto semplice ma efficace,  aiuta a mettere in risalto, come si vede, i dettagli più fini dell'atmosfera nella sua dinamica, esalta infatti il "cambiamento".

In questo caso si notano i flussi di materia dovuti all'attività intensa del campo magnetico, che non possiamo vedere con gli occhi.... 

Ipnotizzante vero ?

giovedì 18 ottobre 2012

Ragazzi che botta !

   
Che la Luna fosse nata da uno scontro fra la Terra ancora in formazione e un corpo , probabilmente un pianeta, delle dimensioni di Marte è cosa nota ai più.  Una teoria dignitosa ma che lasciava vari "buchi" aperti. 

Ora la questione è stata rivista in diverse simulazioni al computer. In particolare questa settimana sono stati pubblicati ben tre articoli su riviste scientifiche che concordano, sostanzialmente, nel dire che il corpo che ha urtato la Terra 4.5 miliardi di anni fa, anno più anno meno, doveva essere molto, molto più massiccio, fino anche ad avere la massa della Terra o quasi, invece di un 10 % come ha Marte. 

Questo risolverebbe un problema grave rimasto finora insoluto: spiegherebbe meglio la composizione delle rocce lunari, delle quali, ricordiamolo per i più giovani, abbiamo campioni sulla Terra grazie alle missioni Apollo degli anni '70. "Ovviamente" poi i tre studi bisticciano un po' su particolari anche importanti, ma a noi oggi basta mettere in luce che la botta fra la Terra e un suo quasi gemello generò la Luna. Qui sotto un filmato che lo spiega bene. 

                                

mercoledì 17 ottobre 2012

Se 19.000 anni vi sembran pochi.

Oramai la notizia è dappertutto, e data per certa , mentre invece parecchi aspetti sono da confermare. La stella più vicina a noi, realmente vicinissima, ha/vrebbe un pianeta simile alla Terra, forse un intero sistema. Lui, comunque, il pianeta, se va bene è di lava incandescente, sennò peggio.

Un po' di discussione in questo articolo appena scritto

Un aspetto non toccato. Volete andarci?  Con i mezzi migliori di cui disponiamo oggi ci vogliono da 81.000 a solo 19.000 anni, a seconda di quanto volete spendere. Un particolare per il viaggio, nel caso miglior passano 600 generazioni.

Qui sotto una bella infografica di corredo a quanto scritto nell'articolo.





      Find out about the nearby Alpha Centauri star system and its newly-discovered Earth-size planet, in this SPACE.com infographic.

lunedì 15 ottobre 2012

Canada spettacolare

Oggi mi hanno parlato del Canada e a me è venuta la curiosità di veder cosa ci succedeva. Nel suo cielo ovviamente. Guardate che video stupendo girato sopra un lago canadese come questo. 


Si tratta delle prime aurore a tutto tondo della stagione 12/13. 

venerdì 12 ottobre 2012

C'è un'incredibile aria di Marte in giro ....

E non solo per Curiosity, il rover NASA che da Marte twitta (@marscuriosity ) e fa check in su foursquare, in modo molto ma molto modaiolo.

C'è aria di Marte probabilmente dentro a questo sasso e la storia pare incredibile.


Il "sasso" è una meteorite marziana di sicura attribuzione, una delle poche. E' una pietra chiaramente di origine vulcanica, originatasi nel lontano passato del Pianeta Rosso.  Mentre veniva eruttata dal vulcano marziano era ovviamente caldissima e quindi si sono aperte sulla pietra tante piccole fessure,. Questo si nota anche in eruzioni terrestri. Le fessure sono ovviamente state riempite immediatamente dalla "aria" marziana, dall'atmosfera insomma.  Al raffreddarsi si sono richiuse e l'atmosfera di allora è rimasta intrappolata.

Il sasso è poi diventato una meteorite grazia a un asteroide che ha creato un cratere su Marte espellendo nello spazio tanti sassi come questo. Si calcola che la meteorite sia stata a bighellonare  poco meno di un milione di anni in giro per il sistema solare prima di cadere sulla Terra, dove ora viene esaminata all'Università di Casablanca, Marocco. In quella regione infatti è caduta poco più di un anno fa e subito è stata catturata e messa al sicuro da contaminazioni terrestri.

mercoledì 10 ottobre 2012

La musica dello spazio e kickstarter



Lei è Kim Boekbinder , "Impossibile Girl" di New York  che ha viaggiato fino in capo al mondo "rubando cuori e rapendo intere platee"

Modestia a parte la simpatica e multicolore cantante vuole fare tutto un album dedicato alle suggestioni che le da il cielo.

Usando i nuovi siti di crowd funding Kim sta cercando quattrini per il CD competo, 30.000 dollari , ne ha finora raccolti 12.000 , niente male.

Qui la prima canzone che lei offre ai suoi fan e possibili finanziatori. Un esperimento interessante, se volete saperne di più questo è il sito

                        

martedì 9 ottobre 2012

Un grande giornalista italiano intervista un grande astrofisico

Piero Bianucci, giornalista della Stampa e colonna del giornalismo scientifico intervista  il Premio Nobel Riccardo Giacconi, il pioniere dell'Astronomia dei raggi X.  Un'occasione unica, video da vedere.

lunedì 8 ottobre 2012

Bella da mozzare il fiato


Già così, al "naturale" è bellissima, parliamoci chiaro. E' IC 1396, una nebula a 2000 anni luce da noi  con stelle in perenne formazione. E' piuttosto "mostruosa" se si pensa che occupa in cielo un diametro di un centinaio di anni luce, il che significa, vista la sua distanza che la vediamo grande come 6 volte 
la Luna piena.

La bellissima immagine qui sopra è stata presa da un astrofotografo finlandese, molto bravo e .... anarchico come si definisce lui stesso. 

Non contento della bella foto ne ha fatta, con grande maestria, una versione 3D visibile in 2D, qui sotto.  Due avvertimenti: il file è di 7 mega, quindi pazienza se non lo vedete subito, la seconda è che ovviamente l'effetto di prospettiva è fasullo, ma comunque interessante.  Io la trovo bellissima. 



domenica 7 ottobre 2012

Hai un desiderio ? E' la tua notte ...

Scherziamo, ovviamente, ma ci si riferisce alla credenza popolare che quando si vede una stella cadente e si esprime un desiderio questo viene (mai ....  ndr) esaudito.

E' per introdurre il fatto che stanotte ci sarà il massimo di frequenza di stelle cadenti cosiddette "Draconidi" perchè sembrano provenire dalla costellazione del Drago, da quella zona di cielo. 

Si tratta di una sorta di "nuvola" di polvere lasciata dalla cometa 21P/Giacobini -Zinner in cui la nostra Terra entra ogni anno attorno a questa data come un'auto che entri nella nebbia. Se il cielo sarà sereno, quindi, perchè non alzare gli occhi sperando di vederne qualcuna ? 


mercoledì 3 ottobre 2012

Si per carità, la radioastronomia è importante ma...

... vuoi mettere il fascino assoluto del cielo ? Vedere stelle, pianeti, il cielo che ti "gira attorno".

Niente di più facile anche con un radiotelescopio, almeno in Australia.

Guardate qui sotto, questo filmato, nel bel mezzo dell'Australia  36 radiotelescopi scrutano il cielo, in un paesaggio meraviglioso e incontaminato dai segnali elettromagnetici umani, per quanto, permettete il gioco di parole, umanamente possibile. 



I tanti telescopi radio che si vedono faranno fra qualche anno in effetti semplicemente da "cercatori" di sorgenti radio, per il grande SKA, Square Kilometer Array, che verrà costruito fra Sudafrica e Australia.  Un chilometro quadrato di antenne dislocate in tante "isole" simili a questa qui sotto.   Promettono grandi  scoperte!


martedì 2 ottobre 2012

Da vedere stasera se potete....

.... Magari subito dopo il tramonto in un momento di relax.  E' il cielo, coi suoi fenomeni violenti, che noi però percepiamo come "belli" comunque.  Troverete Aurore, le nubi "nottilucenti" e altro (e anche un simpatico ragno).

Consiglio a schermo intero e porta chiusa, 4 minuti a tu per tu con lo spettacolo più bello de mondo.  

                    

lunedì 1 ottobre 2012

E' lontana ma arriverà, nel 2013


Una bella immagine, dovuta all'italiano Ligustri, della cometa ISON,che arriverà da noi, se non avrà uno dei soliti incidenti per le comete come la frantumazione in piccoli pezzi, verso metà novembre 2013.   Allora dovrebbe essere alla minima distanza dal Sole, circa 1 milione di chilometri e, chissà, potrebbe essere uno spettacolo stupefacente. Speriamo. Per sapere qualcosa di più